Published On: mer, giu 7th, 2017

Votare o non votare? Meglio risolvere l’indovinello e vincere il vocabolario

Share This
Tags

di MARCELLO VALENTINO – Certo che andare indietro con la memoria non è mai piacevole, perché ci si imbatte sempre in ricordi poco gradevoli. Prendiamo ad esempio la politica… una cosa a caso… Vi ricordate il primo Berlusconi, la sua discesa in campo, le sue promesse elettorali, la sua presa del potere, più tutte le sue disavventure giudiziarie e non? Cos’è che si è verificato rispetto a tutto ciò che fu promesso, che a memoria ricordate? Un vero bordello… nel vero senso della parola. Ancora oggi, dopo tutti i trascorsi, dopo le ammucchiate, le olgettine, la Ruby rubacuori, il Renzi, il Verdini, l’ Alfano, le ingiuste o giuste condanne, dopo Dell’Utri… eccetera eccetera. Berlusconi torna in video per riproporvi di tornare a votare per lui e per Forza Italia e vi promette ben 1000 euro al mese di pensione; a dire il vero quando ne promise 500 lo fece, ma chi non lo avrebbe fatto dopo la truffa dell’euro? Per carità, ognuno è libero di fare ciò che più gli aggrada e di votare per chi crede che possa fare meglio il suo interesse… il suo…. Basta che capisca quello che fa, se è capace di intendere e di volere. E Fini… no, quello ve lo sconsiglio, è un coglione, lo ha detto lui stesso, non è in grado, lui sì, di intendere o di volere, questo è palese: se lo fosse stato non si troverebbe nella attuale situazione in cui si trova, povero ingenuo… Non vi fa un po’ pena? A me no.

MERITEREBBE LA GALERA PER QUELLO CHE HA FATTO. Ma senza prenderla da così lontano, veniamo a PARMA, e al vostro beneamato sindaco Pizzarotti; intanto vi dico che questo giornale è stato allontanato, bandito, da sotto i portici del grano, perché non gradito dal sopraccitato, in quanto bruttissima malalingua che parla male del sindaco e della sua giunta, perché dice un po’ di verità, forse neanche tutta, anche perché la verità ha sempre due facce e quando la si incontra fa sempre finta di non conoscersi. E comunque, si sa, la verità fa male, cantava la Caselli, e a Pizzarotti fa malissimo. Oggi il Pizzarotti è alla spasmodica ricerca di una rielezione, visita tutti i circoli della città per far vedere che è vicino a tutti, vecchietti compresi, ed è molto ma molto disponibile a parlare con tutti, oggi… e in questi cinque anni? dove è stato? solo ora si ricorda e va a spiegare, vecchietti compresi, che l’inceneritore non è poi così cattivo e nefasto e poi di qualcosa bisogna pur morire, ma comunque prima datemi il voto e poi andatevela a predervela “in ter…” alla romana… Gli fa da sponda un certo dottore di Sala Baganza, sempre pronto a criticare questo o quello, molto arguto ma poco obbiettivo anche e specialmente con se stesso. Ma voi pensate che i vecchietti siano poi così fessi? Ragazzi, sveglia, che il tempo passa e la città non è più la stessa; a vederla così fa un po’ pena. Mi ricordo di qualche anno fa: quando andavo in centro con la mia macchina parcheggiavo in via Bruno Longhi, davanti a Casoli, e poi andavo in giro a fare un po’ di compere, a guardare le vetrine dei negozi, al bar a prendere l’aperitivo, dal barbiere, ecc. ecc. Che nostalgia. Adesso invece devo parcheggiare al Barilla Center, al Toschi, al Goito o ai parcheggi scambiatori e andare in centro in autobus. A Milano parcheggio in via Mascagni o via dell’orto a due metri da via Montenapoleone, praticamente in pieno centro. E a Parma non si poteva fare un vero parcheggio sotterraneo pubblico, sotto piazza Garibaldi o in ghiaia? No a Parma si è fatto il Ponte Nord . La Ghiaia attuale: uno scempio… Anni di attesa e una enormità di € buttati nel cesso. L’inceneritore… indispensabile strumento di incenerimento di rifiuti per quattro gatti a pochi metri dalla Barilla, azienda alimentare tra le prime in Italia che ne sentiva un estremo bisogno!!! Oh, parmigiani!!! non è il caso di svegliarsi e mandare a casa questa giunta? Non è mai troppo tardi, anzi, direi che sia ora, con tutti gli aspiranti sindaci che ci sono non c’è che l’imbarazzo della scelta, vedrete che qualcosa di buono troverete certamente, suvvia, non fatevi fregare un’altra volta. Sento nell’aria, però, un odore di inciucio, come se qualcuno o qualcosa stesse accordandosi con i soliti noti, che essendo di fatto già i padroni della città detteranno come al solito la linea da seguire… La strada è tracciata, d’altronde qual è l’alternativa… I soldi dettano legge, e chi ce li ha i soldi? Non certo un povero sindaco o la sua giunta… che ve ne fotterà tanti altri per farvi ripagare il debito pubblico, e allora, cari signori, non vi resta che piangere e pagare (se rieleggerete Pizzarotti). A proposito, avete fatto caso ai capelli di Pizzarotti? Sono un po’ sbiancati, forse è l’effetto paura di non essere rieletto, ma…vacci a capire che effetto fa la paura (90 a parte…).

 

Il vincitore del secondo indovinello del vocabolario della lingua parmigiana è MELEGARI A. DANTE DI PARMA, CON LA RISPOSTA GIUSTA GIUNTA VIA FAX IL 2 MAGGIO ALLE ORE 8,54: dedla’dalacqua e dedsa’dalacqua. Complimenti al vincitore, ma non è stato l’unico a indovinare, anche Gian Paolo Ferrari ha dato la risposta giusta, ma in data 8 maggio alle ore 18.12 con una piccola differenza: mancavano gli accenti sulle “a”.

 

VOCABOLARIO DEL DIALETTO PARMIGIANO, NUOVO INDOVINELLO, IL TERZO DELLA SERIE.

 

L’UNIONE FA LA FORZA

La prima parola è un “apparato” di importanza vitale nel suo uso canonico regolare: lo è molto molto meno per altri usi impropri, dai più considerati indecenti. A volte è scandalosamente rumoroso. La seconda parola è un vecchio “capo” al femminile, di tipo tradizionale: ne fanno di tutti i colori. Ce n’è in giro a milioni, ovunque: dell’una e dell’altra.

Quando le due stanno assieme sono sempre in combutta tra loro per operazioni di stampo consociativo.

(3,1,6) (numero delle lettere di ogni parola)

Mandare le risposte via mail a: redazione@zerosette.it oppure via fax allo 0521 494344

Info sull'Autore

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Video Zerosette