Published On: gio, dic 14th, 2017

Erdogan: ‘Riconosciamo Gerusalemme come capitale della Palestina’

Share This
Tags

A summit Paesi islamici a Istanbul: ‘Tutti sono contro Trump’

“Dobbiamo riconoscere lo Stato di Palestina con i confini del 1967, liberandoci dall’idea che questo sia un ostacolo alla pace”, e “Gerusalemme come capitale dello stato occupato di Palestina”. È l’appello lanciato dal presidente turco Recep Tayyip Erdogan in apertura del vertice straordinario dell’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul. “Almeno 196 Paesi Onu sono fermamente contrari” alla decisione di Donald Trump, ha aggiunto Erdogan, ribadendo che “Gerusalemme è la nostra linea rossa”.

“D’ora in poi” i palestinesi non accetteranno più alcun ruolo di mediazione degli Usa nel processo di pace in Medio Oriente. Lo ha detto il presidente palestinese Abu Mazen al summit straordinario dell’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) a Istanbul.

“L’Iran è pronto a cooperare con tutti i Paesi islamici senza alcuna riserva o precondizione per la difesa di Gerusalemme”. Così il presidente iraniano, Hassan Rohani, intervenendo al summit. Lanciando un appello alla “unità islamica” contro “il pericolo del regime sionista” di Israele, il leader di Teheran si è detto convinto che “i problemi tra i Paesi islamici possano essere risolti attraverso il dialogo”.

Il vertice Ue si dissocerà dalla decisione di Trump di riconoscere Gerusalemme come capitale di Israele e ribadirà la posizione già espressa lunedì a Benjamin Netanyahu: l’Unione è per una soluzione a due Stati e contro qualsiasi decisione che possa compromettere il raggiungimento di questo obiettivo. E’ quanto si è appreso alla vigilia del summit europeo. I leader Ue, salvo colpi di scena, adotteranno una dichiarazione attualmente in corso di definizione.

La Russia non condivide le parole del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che oggi ha definito Israele “uno Stato terrorista” e ha invitato a riconoscere “Gerusalemme come capitale dello stato occupato di Palestina”: lo ha precisato il portavoce di Putin, Dmitri Peskov. “Siamo al corrente della posizione del leader turco e non corrisponde alla nostra”, ha affermato Peskov, aggiungendo che “la posizione della Russia su Gerusalemme e sulla soluzione della questione mediorientale è ben nota”.

Nella dichiarazione finale del vertice straordinario di Istanbul,l’Organizzazione della cooperazione islamica (Oic) ha riconosciuto “Gerusalemme est come capitale dello stato di Palestina occupato”, invitando tutti i Paesi del mondo a fare altrettanto. Lo riporta Anadolu.

Il guardiano delle Chiavi del Santo Sepolcro a Gerusalemme, Adib Joudeh al-Husseini, non incontrerà il vicepresidente Usa Mike Pence quando arriverà in visita, la prossima settimana, in città. “Non riceverò Pence – ha detto, citato dalla Wafa – come espressione del mio assoluto rifiuto della decisione del presidente Trump su Gerusalemme”. Husseini ha fatto appello anche al Patriarca greco ortodosso Teofilo III e al Custode di Terra Santa Francesco Patton “a boicottare la visita di Pence”.

I palestinesi hanno il diritto di fare di di Gerusalemme est la loro capitale, ha affermato il re saudita Salman bin Abddul Aziz al Saud. “Il regno saudita ha esortato a trovare una soluzione politica per risolvere le crisi regionali, in primo luogo la questione palestinese e il ripristino dei legittimi diritti del popolo palestinese, tra cui il diritto di stabilire il loro Stato indipendente con Gerusalemme come capitale”, ha detto il re parlando al Consiglio consultivo saudita, come riferisce il quotidiano Gulf News di Dubai.

 

fonte ansa

Info sull'Autore

-

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Video Zerosette