Published On: mar, gen 30th, 2018

Fornovo: l’ex deposito Spi diventa un laboratorio all’avanguardia

Share This
Tags

Spi_Gadda_Prima_e_dopo

La Provincia ha emesso il bando per la ristrutturazione. L’edificio ospiterà, tra l’altro, un’aula multimediale per disegno 3D, simulazione CNC, un laboratorio di 3D printing, taglio laser e robot. Conclusione dei lavori prima dell’autunno. Spesa prevista 400 mila euro, finanziati da Fondazione Cariparma. Grenti:”Sarà messo a disposizione dell’Itsos Gadda, ma anche del territorio.”

 

Una nuova vita attende i locali dismessi l’ex deposito della Società Petrolifera Italiana, posti di fianco alla palestra dell’Itsos Gadda, a Fornovo.

La Provincia di Parma, infatti, ha emesso nei giorni scorsi il bando per la ristrutturazione dell’edificio e la sua trasformazione in un laboratorio all’avanguardia, con alcuni locali destinati alla didattica, altri all’utilizzo ed all’applicazione delle nuove tecnologie, coi relativi servizi.

 

Il progetto, redatto dall’arch. Enrico Galezzi incaricato dalla Provincia, prevede la realizzazione di un’aula multimediale per il disegno 3D, la simulazione CNC e lo sviluppo di applicativi per VR, oltre a un laboratorio di 3D printing, taglio laser e robot, e a un terzo locale adibito ad aula ristoro e lavori di gruppo. Sopra i laboratori troveranno spazio un locale tecnico, area server ed un magazzino a servizio del laboratorio.

La spesa prevista solo per questi lavori è di 400 mila euro, i lavori saranno conclusi prima dell’autunno. L’intera operazione è stata finanziata per 500 mila euro dalla Fondazione Cariparma, nel quadro di Lto (Laboratori territoriali per l’occupabilità).

 

“I nuovi laboratori  saranno messi a disposizione dell’Itsos “Gadda” e verranno gestiti in orario extrascolastico dalle aziende e dal territorio in collaborazione col consorzio Innovation Farm – spiega Manuela Grenti, Delegata alla Scuola della Provincia di Parma e sindaca di Fornovo – Con questa operazione intendiamo dare un supporto concreto sia a una scuola importante del nostro territorio sia alle imprese locali che vorranno puntare sull’innovazione.”

 

“Con la Provincia di Parma abbiamo avviato da tempo un dialogo di ampio respiro, che sta dando ottimi frutti, come questo nuovo laboratorio e la sperimentazione del liceo quadriennale – afferma Margherita Rabaglia – Dirigente dell’Itsos “Gadda” di Fornovo – Abbiamo aperto un tavolo per l’ottimizzazione dei servizi di trasporto, sia su gomma, sia su rotaia, puntiamo tra l’altro al recupero delle corse dei treni Fidenza – Fornovo, e poi l’apertura di una mensa nei locali ex Asl, tutti servizi per il territorio, non per la sola scuola.”

 

LINEE GUIDA DELL’INTERVENTO

L’edificio, originariamente destinato a locali compressori del processo di raffinazione catalitica della SPI risalente ai primi anni ’50, è sviluppato sul solo piano terreno, realizzato con struttura in pilastri e travi in cemento armato, solaio di copertura in laterocemento e tamponamento perimetrale su tre lati in laterizio; sul fronte ovest, completamente aperto, esiste una pensilina di ampie dimensioni in cemento armato.

I locali interni, presentano tutti un affaccio vetrato a sud-ovest che si apre su di un’area cortilizia in parte pavimentata ed in parte piantumata.

 

L’intervento prevede il recupero completo della struttura esistente con l’esecuzione di adeguati miglioramenti strutturali con l’utilizzo delle fibre di carbonio.

Sono previsti inoltre: un nuovo accesso per disabili, il rifacimento della copertura, la realizzazione di adeguato isolamento termico in copertura e sulle murature esterne, nuove murature a struttura lignea a parziale chiusura del lato ovest ora completamente aperto, installazione di serramenti esterni in alluminio, soppalco interno in legno, impianto di riscaldamento a pavimento, ventilazione.

La sistemazione esterna, oltre alla realizzazione di adeguata recinzione sui lati ovest e sud, prevede una pavimentazione esterna in cls drenante; verrà realizzato sul fronte ovest un ingresso indipendente, con un cancello di accesso dallo stradello parallelo alla SS 62 della Cisa; questo secondo accesso, che si aggiunge all’accesso attuale all’area scolastica, è opportuno poiché l’utilizzo della nuova struttura può non essere sempre concomitante con gli orari di funzionamento della scuola.

 

Nella foto: il deposito com’è e come diventerà.

 

Info sull'Autore

-

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Video Zerosette