Published On: mer, feb 14th, 2018

Amedeo Bocchi e le sue serigrafie d’arte

Share This
Tags

2 due Senza titolo-1

di MARCELLO VALENTINO – La serigrafia è una tecnica di stampa antichissima risalente al XVI secolo. Questo metodo di stampa si differenzia da tutti gli altri in quanto la matrice è costituita da un telaio: originariamente in seta, oggi in nylon. Il trasferimento dell’inchiostro avviene attraverso le trame del tessuto con procedimenti manuali o meccanici.
La V&V Serigrafia, fondata nel 1979, è una tra le pochissime aziende che ancora oggi utilizza il processo di stampa serigrafico per la realizzazione di serigrafie d’arte, direttamente dall’opera originale. Solo questo metodo fa si che la realizzazione che ne segua sia una vera serigrafia d’arte. Per realizzare una serigrafia d’arte si parte con l’estrapolare tutti i colori dell’opera originale, uno per uno. Il maestro d’arte, artista, pittore e grande esperto di serigrafia, lavora sul quadro originale con rossetto grafico e fogli di astralon trasparenti ricomponendo foglio dopo foglio tutti i colori che l’opera contiene. Dopo questo estenuante e lunghissimo lavoro si incidono le matrici, ovvero i telai di nylon, dove si imprimono le immagini colore per colore, per procedere successivamente con le prove di stampa.
Una volta realizzata la prova di stampa che ricompone tutta l’opera apportando manualmente le eventuali correzioni e constatato il risultato, si procede con la stampa vera e propria. Tutto questo lavoro, che all’apparenza sembrerebbe semplice, in realtà è talmente complesso e difficile da realizzare; richiede un tempo lunghissimo di preparazione sia per i colori da riprodurre sia per l’esecuzione vera e propria. La sua complessità è così estenuante che anche l’artista più esperto a volte mollerebbe tutto. La serigrafia, da molti considerata la cenerentola nel settore della stampa, si eleva al massimo della sua bellezza e conoscenza ed è certamente, tra le arti grafiche, la più difficile da realizzare.
Possiamo affermare senza ombra di smentita che sia arte nell’arte, e che pochissime persone al mondo si possono permettere il lusso di poter dire di aver mai realizzato opere del genere. I vari colori sovrapposti l’uno all’altro in un unico gioco di coprenze e trasparenze alla fine danno un risultato così spettacolare da lasciarci stupefatti, tanto è simile all’opera originale. Quest’arte, certamente molto trascurata è quindi poco conosciuta, se non dagli esperti del settore, è certamente unica. Anche se nel campo industriale è molto utilizzata, in quanto indispensabile per tutta una serie di esigenze che altrimenti non sarebbero realizzabili con altri procedimenti. Molte delle cose che utilizziamo ogni giorno vengono stampate in serigrafia: dai cruscotti delle automobili ai quadranti degli orologi più preziosi, dalle penne pubblicitarie che ogni giorno teniamo tra le dita a tantissimi altri oggetti, dai più banali ai più complessi, che per esigenza di resistenza e tenuta dei colori vengono stampate con questo metodo.
La serigrafia d’arte però è un vero mestiere artistico che non ha nulla da invidiare alla pittura o alla creatività di essa, in quanto per realizzare una vera serigrafia d’arte occorre essere bravi pittori, ottimi artisti, eccellenti serigrafi e grandi conoscitori dei colori. Da questo mix unito ad una buona dose di follia, nasce la serigrafia d’arte. Teniamone conto, poiché quest’arte, mestiere, tecnica o che dir si voglia, è da tramandare alle generazioni future e andrebbero costituite delle vere scuole dove poter insegnare ed apprendere quest’arte, altrimenti farà la fine di tanti animali che si sono estinti.
Amedeo Bocchi pittore che tutti noi conosciamo ed amiamo per il suo grande talento, certamente tra i grandi maestri del novecento italiano, ci ha permesso di cimentarci per la terza volta nella realizzazione di una sua opera. Le due prime opere sono esposte al museo a lui dedicato presso la Fondazione Monte Parma, la terza e di proprietà di un privato. Le opere sono: Bianca nel suo 23° anno, Bianca in grigio e Bianca in giardino. Sono tutte opere realizzate e autorizzate, numerate ed autenticate dall’Erede di Amedeo Bocchi, Emilia Bocchi: diffidate se non sono accompagnate dal certificato di autenticità con la firma dell’Erede in calce su ogni certificato. Ricordatelo se ne avrete l’opportunità di comprarne o di osservarne una, non è semplicemente una replica ma è un vero capolavoro d’arte, molto più difficile da realizzare rispetto all’originale.

Info sull'Autore

-

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Video Zerosette