Published On: ven, apr 13th, 2018

Europa League: Salisburgo Lazio 4-1, biancocelesti eliminati

Share This
Tags

Immobile per l’1-0. Poi si spegne la luce e austriaci ne fanno 4. Inzaghi: ‘ko che ci servirà di lezione’. Parolo: ‘Ci manca qualcosa per competere in Europa’. In semifinale con gli austriaci anche Atletico Madrid, Arsenal e Marsiglia

Con tre gol in quattro minuti, il Salisburgo ha battuto la Lazio 4-1 conquistando la semifinale di Europa League. Vanno avanti anche il Marsiglia, 5-2 al Lipsia, l’Arsenal, che ha pareggiato 2-2 a Mosca, e l’Atletico Madrid, sconfitto a Lispona dallO Sporting 1-0.

Risultati

  • - Salisburgo-Lazio 4-1 (Immobile 54′, Dabbur 56′, Haidara 72′, Hwang al 74′, Lainer al 76′)
    - CSKA Mosca – Arsenal 2-2 (Chalov 39′, Nababkin 50′, Welbeck al 75′, Ramsey 92′, Sakai al 94′)
  • - Marsiglia-Lipsia 5-2 (aut. Ilsanker 2′, Mitroglou 6′; Sarr al 9′, Thauvin 38′, Augustin al 55′, Payet 60′)
  • - Sporting-Atletico Madrid 1-0 (Montero 28′)

Blackout Lazio,in semifinale va il Salisburgo - Quando la strada verso la semifinale di Europa League sembra spianata, la Lazio crolla al cospetto del Salisburgo che vince 4-1, ribaltando il 2-4 dell’andata. Tutto accade nella ripresa e, inspiegabilmente, la luce si spegne dopo il gol del vantaggio segnato da Immobile al 10′. Gli austriaci pareggiano quasi subito, ritrovando immediatamente fiducia. Poi, tra il 27′ ed il 31′, i padroni di casa vanno a segno altre tre volte, sfruttando il blackout biancoceleste, sia fisico che mentale, condito da amnesie difensive gravissime. E dire che sull’1-1 Luis Alberto aveva sprecato un contropiede tre contro due, gettando tra le braccia di Walke l’occasione per ripassare avanti. Nel proprio impianto, lo Stadion Salzburg, la formazione di mister Marco Rose conferma tutte le doti di fisicità ed organizzazione già fatte vedere all’Olimpico, compresa una notevole tenuta psicologica. Nell’attacco del Salisburgo torna titolare il coreano Hwang, 22 anni, squalificato all’andata e preferito a Gulbrandsen. Altra novità il tedesco Reinhold Yabo. Inzaghi ripropone in avanti la coppia Luis Alberto-Immobile, tenendo in panchina – come già all’Olimpico – Felipe Anderson. Dentro dall’inizio anche Parolo e, soprattutto, Lulic, in dubbio fino all’ultimo.

Inzaghi, ko che ci servirà di lezione - ”Abbiamo subito due autoreti, ma nel calcio ci sta. E’ stata una bellissima cavalcata, l’ho condivisa con i ragazzi ed i tifosi. La semifinale era lì a un passo, ma il Salisburgo ha meritato il passaggio del turno. Questa serata ci servirà di lezione”. Simone Inzaghi sintetizza così – a Sky Sport – la delusione per l’eliminazione della Lazio dall’Europa League, al cospetto di un avversario capace di ribaltare la sconfitta dell’andata, nonostante essere passato in svantaggio sul proprio campo.

Parolo, ci manca qualcosa per competere in Europa - “Non siamo ancora una squadra che può ambire a certi traguardi in Europa. Ci manca qualcosa, perché altrimenti una partita così non la puoi perdere e abbiamo peccato di sufficienza una volta segnato l’1-0, pensando che la partita fosse chiusa”. Cosi’ il centrocampista della Lazio, marco Parolo, dopo l’eliminazione dall’Europa League. “Contro le squadre europee, fino a che l’arbitro non fischia tre volte, la partita non è mai finita. Dobbiamo fare mea culpa, resettare tutto e ripartire domenica perché abbiamo una partita importante – ha proseguito Parolo ai microfoni di Sky Sport -. Avevamo il controllo assoluto della partita e abbiamo avuto un’altra occasione per fare il 2-1. Dopo l’1-0 siamo stati dei polli a prendere gol subito, perché gli abbiamo dato morale e questo ci ha tagliato le gambe. Non siamo stati bravi ad avere la reazione morale giusta”, ha concluso.

I GOL

Salisburgo-Lazio 0-1: al 55′ assist perfetto di Luis Alberto per l’inserimento di Immobile che con un tiro a giro insacca.
Salisburgo-Lazio 1-1: al 57′ pareggio immediato dei padroni di casa, Luiz felipe devia in rete il tiro innocuo dal limite di Sabbur
Salisburgo-Lazio 2-1: al 73′ vantaggio Salisburgo, Haidara calcia da distanza siderale e batte l’incolpevole Strakosha.
Salisburgo-Lazio 3-1: al 75′ lancio in profondità’ per l’inserimento perfetto di Hwang che calcia e insacca all’angolino.
Salisburgo-Lazio 4-1: al 76′ poker del Salisburgo, Lainer stacca sul secondo palo e di testa batte un incolpevole Strakosha.

fonte ansa

Info sull'Autore

-

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi html tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>

Video Zerosette